VILLA 126


Credits:
Arch. Marco Sette

Location: San Cristoforo (TN)
Year: 2021 - in progress
Category: Residential

Collaborators:
Arch. Alexandr Platon
Arch. Agnese Alfonsi

L'edificio oggetto di demolizione e ricostruzione, si trova all'interno di una lottizzazione anni '60 sulla sponda nord del Lago di Caldonazzo.
Lo sviluppo progettuale del nuovo edificio si basa sulla volontà della committenza di realizzare una costruzione a basso impatto energetico, salubre e sostenibile, ove realizzare due unità abitative, una al piano terra rialzato e una al piano primo.
Il corpo di fabbrica dell'edifico si configura in due volumi formalmente ben distinti: un volume trattato a intonaco chiaro a Nord avente una geometria archetipa di una casa e un volume trattato a intonaco scuro a Sud con una geometria spezzata, sagomata dai vincoli del lotto e dalle funzioni interne. Il primo volume si presenta compatto, con poche aperture necessarie, in virtù di ospitare la parte più intima di un’abitazione: la zona notte. Il secondo volume si apre, si muove con grandi vetrate garantendo una reciproca permeabilità tra la zona giorno che ospita e l’ambiente circostante.
Per quanto riguarda la distribuzione interna, Entrambe le unità hanno accesso direttamente nella zona giorno, con una distribuzione a pianta aperta. La zona notte invece, posta sul lato Nord, presenta una distribuzione più tradizionale per garantire maggior tranquillità e privacy. L’unità al piano terra ha la zona giorno rivolta verso Est, dove si ha il giardino, con un’ampia piattaforma esterna, che ne aumenta notevolmente la percezione spaziale. Al piano primo invece la zona giorno è rivolta tutta verso Sud con tre ampie vetrate. Questa distinzione garantisce rispettiva privacy alle due unità e di sfruttare al meglio le caratteristiche fisiche dell’area.
Grazie alla corretta gestione degli impianti tecnologici e dell'involucro, l'edificio raggiunge la classe energetica A+.